Roberto Piana, concerto ad Amburgo

Roberto Piana, concerto ad Amburgo

Written on 10/12/2020
Cristiano Porqueddu


ll 6 Novembre 2020, presso l'Istituto Italiano di Cultura all'Estero di Amburgo, il pianista sassarese Roberto Piana terrà un concerto solista nell'ambito di Sardinia_Moving_Arts.

Il programma del recital di Roberto Piana prende in esame due distinte tematiche: la musica italiana e la musica spagnola nel periodo a cavallo tra il XIX e il XX secolo.
Due civiltà che spesso hanno dato vita ad un dinamico confronto, ad una poetica condivisa, fino ad una vera e propria contaminazione di linguaggi. In questo ideale viaggio musicale l'Italia è rappresentata in larga misura dalle composizioni dei sardi
Lao Silesu e Roberto Piana ma anche dal lombardo Giulio Ricordi. Ciò offre l'occasione di ascoltare pagine perlopiù sconosciute (alcune in prima esecuzione assoluta ad Amburgo) e di gettare luce su figure importanti e non sufficientemente indagate, come quella di Lao Silesu, compositore apprezzato da suoi illustri contemporanei quali Giacomo Puccini, Gabriele D'Annunzio, Enrico Caruso (interprete delle sue canzoni) e da quella di Giulio Ricordi, ben noto nelle sua principale attività di editore ma non in quella di compositore, valido e particolarmente prolifico. 
La seconda parte del recital è dominata da tre autorità musicali, tra le massime non solo del periodo tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento ma dell'intera storia musicale iberica: Isaac Albéniz, Enrique Granados e Joaquín Turina. Rappresentanti di una cultura che custodiva e onorava le proprie radici ma che mostrava, come ne caso specifico di Joaquín Turina, disponibilità e curiosità verso espressioni artistiche diverse, allacciando contatti con compositori quali Maurice Ravel e Claude Debussy.
Infine, un più sottile fil rouge che imbastisce l'intero programma ha come oggetto la rievocazione dell'immagine attraverso i suoni. Tutte le composizioni infatti, seguendo un proprio percorso creativo e una propria percezione, riconducono ad una
rappresentazione visiva del soggetto proposto. Dalle rievocazioni pittoresche di Albeniz alle cartoline liberty e un po' sbiadite di Giulio Ricordi, dai richiami coreografici di Turina fino al manifesto omaggio di Piana per le grandi opere pittoriche del Novecento..

Il programma è il seguente:

G.Ricordi (1840-1912)
Il lago
Il drago
Le rêve de l’Odalisque
Romance Poudrée

R.Piana (1971)
Dai 25 Preludi pittorici:
n.1 (Joaquín Sorolla Bastida Paseo a orillas del mar)
n.20 (Il'ya Repin Sadko)
n.14 (Gustave Moreau Phaethon)
n.13 (Giovanni Boldini Ritratto della principessa Marthe-Lucile Bibesco)
n.25 (Julius Le Blanc Stewart Yachting in the Mediterranean)
n.4 (Sir Lawrence Alma-Tadema Whispering Noon)
n.22 (Umberto Boccioni La risata)

L.Silesu (1883-1953)
Romances sans paroles
Serenade passionnèe
Notturno in la minore

E.Granados (1867-1916) Valses Poéticos
- Introducción. Vivace molto
- 1. Melodico
- 2. Tempo de Vals noble
- 3. Tempo de Vals lento
- 4. Allegro humoristico
- 5. Allegretto (elegante)
- 6. Quasi ad libitum (sentimental)
- 7. Vivo
- Coda. Presto - Andante - tempo dil 1.º Vals

I.Albeniz (1860-1909)
Granada (Serenata) op.47 n.1
Malagueña op.165 n.3
Rumores de la caleta op.71 n.6
Tango op.165 n.2

J.Turina (1882-1949)
Danza de la seduccion op.55 n.2
Sacro-Monte op.55 n.5

La scheda dell'evento su Facebook è visionalbile seguendo questo link:
https://www.facebook.com/events/420070835645338

Il concerto è organizzato con la collaborazione dell'Istituto Italiano di Cultura all'estero di Amburgo, Brilliant Classics, Giuseppe Guagliardo Guitars, Les Productions d'OZ, Portale Sardegna.